Home » Alieni, perché non li incontreremo mai I L’ipotesi choc: “Hanno i nostri stessi problemi”

Alieni, perché non li incontreremo mai I L’ipotesi choc: “Hanno i nostri stessi problemi”

La Nasa cerca di studiare la possibilità di altre esistenze viventi nello spazio da ormai decine e decine di anni. Alcuni studi, ad esempio, hanno fatto ipotizzare che gli alieni siano già stati sulla terra, per visitarla. Ma se sono già stati qui, allora perché non si sono mai fatti vedere? La Nasa ha cercato di rispondere alla domanda. 

UFO (Istock)
UFO (Istock)

La Nasa cerca di studiare la possibilità di altre esistenze viventi nello spazio da ormai decine e decine di anni. Alcuni studi, ad esempio, hanno fatto ipotizzare che gli alieni siano già stati sulla terra, per visitarla. Altri ancora invece sostengono che gli alieni non sono quegli esseri che siamo soliti trovare nei film di fantascienza: potrebbero esistere ma non per forza avere forma e corpo come noi, in sostanza, potrebbero essere delle essenze diverse che probabilmente non percepiamo con i nostri 5 sensi.

Il problema degli studi degli anni precedenti stava nel fatto che l’uomo ha sempre un approccio omocentrico. Ciò che significa? Che guarda, percepisce e studia il mondo dal suo punto di vista, partendo dai suoi sensi e dal suo modo di vivere. In merito, ad esempio, si aprì una polemica anni fa quando diventò virale la foto di due pinguini che sembrava stessero abbracciati a godere del panorama. Altri studiosi spiegarono che si trattava semplicemente di un’alterazione umana del senso del comportamento dei pinguini: gli animali, a differenza dell’uomo, non possono cogliere il senso di meraviglia, così come per esempio gli uccelli non hanno quella sensazione di ‘spettacolo incredibile’ legata al loro volo, volano e basta e gli piace farlo perché il loro istinto dice così.

Il senso di meraviglia è una cosa prettamente umana ma vedendo quei due pinguini abbracciati rivolti verso l’orizzonte, si è subito immaginato che anche loro stessero facendo la stessa cosa. Anche per quanto riguarda gli ufo, infatti, il concetto è lo stesso. Si è sempre immaginato che fossero molto simili agli uomini, anche nei migliori film di fantascienza hanno comportamenti abbastanza simili ai nostri e fino a poco tempo fa nessuno si era mai domandato se gli ufo potessero essere ‘qualcosa’ impercepibile con i nostri sensi.

Gli ufo esistono? E se esistono perché non si sono mai fatti vedere? Ecco perché molto probabilmente non li incontreremo mai

UFO (Istock)
UFO (Istock)

Per chi se ne occupa da sempre la domanda non si pone, ma per chi vive nel dubbio resta il tema di fondo: se gli ufo esistono, gli alieni se preferite, perché non si fanno vivi? Uno studio tarato sull’evoluzione delle nostre città ha ipotizzato che le connessioni interstellari diventino a un certo punto insostenibili per eventuali civiltà extraterrestri molto evolute.

In particolare uno studio molto approfondito ha sostenuto che eventuali civiltà aliene abbiano seguito, o siano destinate a seguire, un’evoluzione che porterebbe, alternativamente, o al collasso o al necessario ridimensionamento delle ambizioni di colonizzazione di altri mondi. In sostanza una crescita irriducibile non sarebbe possibile e quindi quella civiltà si accontenterebbe di arrivare a una stabilità autoregolata, rinunciando così anche allo sviluppo di tecnologie che rendano possibili le interconnessioni con altre civiltà nell’Universo. Insomma, anche gli alieni, come noi, avrebbero gli stessi problemi di costi e di riconversione industriale.